ASSOCIAZIONE AIM

Agenzia intercultura e mobilità 


 

  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon

Sede legale: Piazza Gondar, 14 00199 Roma 

comunicazioneaim@gmail.com

L'EDUCAZIONE NON FORMALE
 

Le iniziative europee nell’istruzione e la formazione sottolineano il ruolo crescente dell’apprendimento lungo tutto l’arco della vita. Mettono in evidenza che la formazione dell’individuo deve comprendere l’intero spettro dell’apprendimento formale, non formale e informale al fine di promuovere  realizzazione personale, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupabilità.

 

L'apprendimento non formale ha luogo al di fuori del curriculum previsto dall’istruzione formale. Le attività di apprendimento non formale si svolgono su base volontaria e sono accuratamente progettate per favorire lo sviluppo personale e sociale dei partecipanti.  

Esse sono complementari all'istruzione scolastica e al sistema formativo: adottano un metodo partecipativo e incentrato sulla persona, sono direttamente correlate alle esigenze, alle aspirazioni e agli interessi dei giovani, fornendo una fonte supplementare di apprendimento e un percorso in grado di avviare e coadiuvare  l’istruzione e formazione di tipo formale.
Principi fondamentali:

  • L’apprendimento non formale è intenzionale e volontario.

  • L'istruzione si svolge in una gamma di ambienti e di situazioni nelle quali la formazione e l'apprendimento non sono necessariamente l'unica o principale attività.

  • Le attività possono essere affidate a mediatori dell’apprendimento, sia professionisti (come formatori e operatori socio-educativi) sia volontari (animatori o formatori per i giovani).

  • Le attività sono pianificate e presentano obiettivi formativi specifici, ma solo occasionalmente sono articolate secondo i ritmi convenzionali o le materie scolastiche.

  • Di norma le attività si rivolgono a gruppi target specifici e impostano l’apprendimento in maniera specifica e settoriale.